Intervista con Silicon Labs

Uno sguardo alla scoperta di quello che rende Silicon Labs all'avanguardia nella produzione di semiconduttori.

“È stata una rivoluzione: a poche settimane dal lancio, avevamo già oltre 200 utenti in più. Un successo incredibile, in pochissimo tempo”.

Silicon Labs (NASDAQ: SLAB) è un team di pionieri nel campo di software e hardware, impegnati ad affrontare le sfide più impegnative poste dalla progettazione integrata. Per quasi 20 anni, l'azienda ha creato il silicio, il software e gli strumenti che hanno consentito ai principali ingegneri al mondo di realizzare prodotti per mandare a gambe all'aria le industrie e cambiare il mondo. Il quartier generale dell'azienda si trova a Austin, con altre 13 sedi sparse in tutto il mondo. Dietro le quinte, Il direttore IT Shane Dickinson si occupa di garantire che i dipendenti possano collaborare e adempiere alla mission di Silicon Labs.

Silicon Labs si inserisce in un mercato molto competitivo. Cosa contraddistingue l'azienda?

I nostri punti di forza sono l'ampio ventaglio di IP, i prodotti di qualità elevata e la capacità di mantenere le promesse. Silicon Labs ha praticamente coniato la definizione di Internet delle cose (IoT), con chipset sviluppati per Nest® e altri dispositivi IoT. L'azienda supporta anche la comunicazione e la rete a maglie per dispositivi IoT, tra cui il Wi-Fi, ZigBee® e Bluetooth®. Silicon Labs è conosciuta per il suo vasto ventaglio di IP, per l'impegno profuso nell'offerta di prodotti di alta qualità e nella definizione dell'ambiente IoT.

Che cosa si nasconde dietro la leadership di Silicon Labs nel mondo dell'internet delle cose?

L'importanza che diamo alla collaborazione. Silicon Labs è inserita in un ambiente internazionale, ma produzione e progettazione sono accentrate ad Austin, da dove viene gestita la collaborazione con il resto del mondo. Ad ogni modo, affinare un'idea è tutta una questione di comunicazione e interazione. I nostri progettisti dislocati in tutto il mondo, tra Sunnyvale, Boston, Budapest, Oslo, Cina e Singapore, devono poter comunicare e collaborare tra di loro. Volevamo permettere ai team di interagire proprio come se fossero tutti nello stesso luogo.

Nei sondaggi interni, le persone sostenevano che è difficile comunicare tra uffici lontani, che si trovano per esempio a Singapore e Austin, a causa della differenza di fuso orario. Questo infatti presuppone che qualcuno rimanga in ufficio oltre l'orario lavorativo per partecipare a una chiamata di gruppo, il che non è sostenibile né comodo per il dipendente.

Come hai affrontato il problema?

Un anno e mezzo fa, per migliorare la collaborazione tra i reparti di ricerca e sviluppo e quello di progettazione, abbiamo provato ad adottare una soluzione concorrenziale a Lifesize ma, dopo 12 mesi, gli utenti erano solo 60. La soluzione in questione si è rivelata deludente e non ha risolto i nostri problemi. Abbiamo dunque riflettuto sul nostro approccio lavorativo, basato su semplicità e interoperabilità, e poche settimane fa abbiamo adottato Lifesize con i sistemi in sala, clienti mobile e servizi cloud.

Con tutti i sistemi di videoconferenza presenti sul mercato, perché sei passato proprio a Lifesize Cloud?

Da qualsiasi prospettiva lo si guardi, Lifesize Cloud è uno strumento molto semplice, per gli amministratori come per gli utenti. Dall'implementazione dei sistemi interni nelle sedi distaccate fino al servizio di iscrizione nel cloud per i dipendenti, tutto è caratterizzato da un elevato grado di semplicità. Lifesize invia aggiornamenti automatici a tutti i sistemi collegati al cloud. In questo modo, non è più necessario collegarsi in remoto per eseguire gli aggiornamenti. Inoltre, anche per i clienti gli aggiornamenti avvengono in modo automatico. Dal punto di vista degli amministratori, è tutto estremamente semplice da usare e configurare e non è una caratteristica da poco.

Hai riscontrato dei cambiamenti?

È stata una rivoluzione: a poche settimane dal lancio, avevamo oltre 200 utenti in più. Un successo incredibile, in pochissimo tempo”. Una soluzione come Lifesize Cloud permette tranquillamente di lavorare da casa (con il computer aziendale, personale o un dispositivo mobile) partecipare a una conversazione e vedere volti e contenuti allo stesso tempo.

Grazie all'interoperabilità di Lifesize Cloud, è possibile mettersi in contatto anche con persone esterne all'azienda. Non importa che soluzione si utilizza: posso invitare chiunque, all'interno o all'esterno dell'azienda, senza preoccuparmi di come effettuare il collegamento.

Che consiglio daresti a chi sta cercando una soluzione di videoconferenza?

Dipende dalla cultura dell'azienda e dal problema che si cerca di risolvere. Se l'azienda non ha bisogno dei video, la condivisione dello schermo e del canale audio possono bastare. In caso contrario, i video sono di cruciale importanza e non è possibile farne a meno.

Nell'ultimo anno, abbiamo acquisito un'azienda che dava molta importanza ai video. Ne avevano bisogno per ogni meeting. Così abbiamo iniziato ad adottarli anche noi. La rapida adozione di Lifesize è stata favorita da un processo di formazione degli utenti finali. Lifesize Cloud è così semplice che non è necessario perdere molto tempo per la formazione degli utenti. Le sessioni durano 60 minuti al massimo. Molte persone l'hanno definita “un'idea davvero geniale”. Grazie al loropassaparola, l'adozione di Lifesize è aumentata ulteriormente. Quando la gente capirà che si può essere molto più produttivi usando uno smartphone, un tablet e una connessione internet, il gioco sarà fatto. Una volta entrati nel mondo di Lifesize Cloud, non si torna più indietro.

Hai bisogno di ulteriore assistenza?
Contatta uno dei nostri rappresentanti di vendita locali.