Case study - Università dell’Alberta

L'università si serve delle videoconferenze per aumentare le opportunità di formazione degli studenti

Con il suo spirito audace e innovativo, l'Università dell'Alberta ispira il personale e gli studenti a migliorare le loro conoscenze tramite la ricerca, a innovare i metodi di insegnamento e di apprendimento e a individuare modi sempre nuovi per aiutare gli abitanti dell'Alberta, la nazione e il mondo intero. L'università è tra i 5 migliori istituti del Canada e uno dei primi 100 al mondo. Offre più di 170 programmi post-laurea, 200 programmi di studio e ospita 450 gruppi studenteschi attivi.

Sin dalla sua fondazione, l'Università dell'Alberta mira a diventare una delle migliori università del mondo per le attività votate al bene comune. L'obiettivo dell'università è mantenere la promessa fatta dal presidente fondatore Henry Marshall Tory, ossia che “il sapere non deve essere custodito esclusivamente dagli accademici. Al contrario, è necessario divulgare la conoscenza a tutti”.

“Con Lifesize Cloud e Lifesize Icon 400, non c'è più bisogno di IP, stanze e risorse dedicati per gestire il programma. La soluzione di Lifesize offre la flessibilità, la qualità e l'integrazione nel flusso di lavoro di cui abbiamo bisogno”.

La sfida

Con le case sempre più invase dalla tecnologia, l'università desiderava implementare iniziative tecnologiche per aiutare gli studenti a prepararsi al loro futuro. La Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università dell'Alberta aveva bisogno di strumenti di collaborazione video affidabili, scalabili, portatili e flessibili, da utilizzare in aula senza creare problemi al settore IT.

La soluzione

Negli ultimi anni la tecnologia di videoconferenze si è fatta strada anche nel settore dell'istruzione. Con oltre 170 corsi post-laurea, 200 corsi di laurea e 450 gruppi studenteschi attivi, l'università aveva bisogno di una soluzione di videoconferenze scalabile, conveniente e semplice da utilizzare, per organizzare incontri con esperti della materia e collaborare con altri college e università.

In un primo momento, Shane Klein, specialista nell'assistenza multimediale della facoltà di Scienze dell'Educazione, voleva adottare un sistema basato su hardware: “All'inizio, pensavamo di dover sviluppare il nostro sistema hardware esistente, implementando una soluzione in sede”. Dopo aver valutato diverse soluzioni di collaborazione video, tuttavia, l'università ha scelto Lifesize Cloud per l'accessibilità, la semplicità e la qualità professionale della soluzione di videoconferenza offerta, così da migliorare i curriculum, favorire la collaborazione e ottimizzare le opportunità di apprendimento.

Risultati

  • In media, l'università effettua quattro videoconferenze al giorno
  • La collaborazione con altre università e atenei è aumentata
  • La programmazione delle videoconferenze da parte del reparto IT risulta semplificata
Hai bisogno di ulteriore assistenza?
Contatta uno dei nostri rappresentanti di vendita locali.